La Mediazione Marittima

Sono obbligati ad iscriversi nel Ruolo dei mediatori marittimi gli amministratori di società o i titolari di imprese individuali, aventi per oggetto della propria attività la mediazione nei contratti di costruzione, di compravendita, di locazione, di noleggio di navi e nei contratti di trasporto marittimo di cose.

Il Ruolo è distinto in due sezioni, ordinaria e speciale; in quest`ultima sono iscritti i mediatori marittimi abilitati ad esercitare pubblici uffici che comprendono l`incarico di presiedere alle pubbliche gare per i contratti di costruzione, di compravendita, di locazione, di noleggi di navi e nei contratti di trasporto di cose, nonché ogni altro incarico previsto dal Codice Civile o da leggi speciali.

L`iscrizione nel Ruolo è subordinata al possesso di requisiti che sono accertati attraverso il superamento di un esame dinanzi ad una apposita commissione costituita presso la Camera di commercio. L`iscrizione nel Ruolo abilita all`esercizio della professione in tutto il territorio nazionale ed è a titolo personale: l`iscritto non può delegare le funzioni per l`esercizio della professione se non ad altro mediatore marittimo iscritto nella stessa sezione.

L`iscrizione può essere richiesta sia in forma individuale che in forma societaria; in quest`ultimo caso i requisiti devono essere posseduti dal legale o dai legali rappresentanti della società.

Tratto da una circolare di “Isyba”:

Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta  una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa da 10.000 euro a 50.000 euro

La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca delle attrezzature e degli strumenti utilizzati.

E’ questo il testo del nuovo art. 348 Codice Penale che, dopo il via libera del Senato, attende l’approvazione della Camera per poi diventare operativo.

ISYBA esprime grande soddisfazione per il disegno di legge approvato all’unaminità dal Senato che aggrava le sanzioni verso chi svolge abusivamente anche la professione di Mediatore Marittimo.

Un passo importante nella lotta contro l’Abusivismo, un incentivo all’azione di vigilanza da parte delle Autorità preposte.

Telefono: 340 6261284
Via G. Garibaldi, 219, 98122 Messina